martedì 27 settembre 2016

Lavoro, Renzi rilancia: «100mila posti grazie al Ponte sullo Stretto»

Torna d'attualità la vicenda controversa del ponte sullo stretto. Il presidente del Consiglio Renzi,che oggi ha fatto una trasferta lampo a Milano per una visita all'Ospedale San Raffaele, ha parlato della riapertura del Ponte sullo stretto di Messina.

Renzi: grandi opera per creare lavoro

Secondo il premier quest'opera potrebbe creare «centomila posti di lavoro». Non solo, va considerata come parte del completamento della “Napoli-Palermo”. Renzi ha anche preso un impegno: se verranno sbloccate le carte velocemente, il governo è pronto a riprendere un discorso fermo da 10 anni.

Renzi ha ribadito la necessità di sbloccare i cantieri e dotare l’Italia della banda larga. «La rete di domani non sarà una diga in Italia né l'autostrada del Sole, ma la banda larga, la gigabyte society, la velocità», ha detto il Premier.

Poi Renzi ha parlato di riforme: «Sono una cosa banale, semplice. Sono le stesse fatte dalla Germania 15 anni fa. Se le avessimo fatte prima ora staremmo meglio. Però non serve piangere sul latte versato». Adesso servono soprattutto gli investimenti «che servono alla crescita. L'Europa deve ripartire dagli investimenti. Se un Paese, uno a caso, ha un surplus commerciale di 89 miliardi, quel Paese non sta facendo solo male a sé stesso, ma all'Europa».