venerdì 7 ottobre 2016

Cessione Yahoo, dopo il caos Verizon chiede un grosso sconto

La cessione di Yahoo a Verizon è incappata in un bel problema. Quello delle email scannerizzate e passate agli 007 rischia di essere l'ultimo duro colpo alla trattativa. Che di per sé, va sottolineato, di spallate ne ha già ricevute parecchie.
L'accordo per il passaggio di Yahoo nella mani di Verizon è stato raggiunto tempo fa, sulla base di 4,8 miliardi di dollari. Secondo la quotazione dollaro di oggi sono 4,31 miliardi di euro.

Sempre più complicata la cessione

Il problema è che la trattativa ha preso una brutta piega. Dal giorno dell'accordo raggiunto lo scorso 25 luglio, Yahoo è stata coinvolta in due scandali informatici lo hanno travolto l'azienda. Il primo fu la violazione degli account privati (anche quello di Michelle Obama) il secondo è quello recente delle mail scannerizzate. Due scandali che hanno innescato una corsa alla chiusura degli account.

Di fronte a tutto questo, Verizon ha visto aumentare il rischio di ritrovarsi tra le mani qualcosa di differente rispetto aciò che sperava di comprare. Al 25 luglio Yahoo! era "semplicemente" un'azienda in sofferenza. Adesso è un'azienda al tracollo, non solo dal punto di vista finanziario ma anche operativo. 

Per questo motivo pare che Verizon abbia chiesto a Yahoo uno sconto importante rispetto al prezzo pattuito a luglio. Si parla di un miliardo di dollari. L'unico dato positivo, è che malgrado tutto il gigante newyorkese ancora è interessato a comprare Yahoo, mica poco visto quello che è successo. Ma è chiaro che in entrambe le aziende si respira un'aria tesa, chi per un motivo chi per un altro.

Se Verizon vuole lo sconto, Yahoo non sembra ben disposta a concederlo, e questo rischia di compromettere la trattativa, fino a giungere a epiloghi inimmaginabili. Malgrado esista un accordo scritto, questa storia otrebbe avere un finale tutt'altro che scontato.