venerdì 21 ottobre 2016

Trader di 34 anni stupisce Goldman Sachs: 100 milioni di dollari guadagnati in 6 mesi

Di chiarissime origini italiane, Tom Malafronte è riuscito a realizzare un'impresa: grazie al trading sui bond, ha guadagnato per Goldman Sachs circa 100 milioni di dollari nel giro di 6 mesi. Una media di mezzo milione di dollari al giorno. Roba da non crederci.

La rapida ascesa di un 34enne trader

La storia viene raccontata dal Wall Street Journal, che mette in evidenza come la strategia di questo ragazzo sia stata molto rischiosa (anche se a conti fatti ne sarà stato felice).
Ha rastrellato titoli ad alto rendimento sul mercato, ossia quelli più rischiosi. E lo ha fatto nel momento giusto, ovvero prima che cominciasse una fase rialzista (tra febbraio e marzo).
Va sottolineato che questi bond "spazzatura" sono sconsigliati dalle agenzie di rating, e quasi tutti i trader con un po' di esperienza preferiscono starne alla larga.

E invece  Tom Malafronte è andato dritto per la sua strada, ha ignorato i segnali di trading, ha operato una gestione del rischio discutibile, ha messo in un angolo molti dei principi seguiti per anni. E grazie a questo è riuscito a fare una fortuna.

Per la loro natura pericolosa, le obbligazioni “spazzatura” sono investimenti sconsigliati dalle agenzie di rating. Secondo il WSJ, a inizio anno più di un terzo dei volumi giornalieri di quei titoli possono essere fatti risalire alle operazioni del trader 34enne. In pratica il mercato lo faceva lui.
Condividi questo articolo. A te non costa nulla, per noi vale tanto


La storia è sicuramente bella e affascinante per chi fa trading, ma in America sottolineano una cosa: nonostante le nuove norme per migliorare i controlli sui mercati finanziari, non è cambiato nulla in termini di speculazioni e rischi intrapresi dalle banche d’affari.
Se le leggi che governano Wall Street vogliono spingere le banche a correre meno rischi, i casi come quello di Tom Malafronte dimostrano che dalla crisi finanziaria scoppiata nel 2008, non è cambiato molto e si continua a speculare su strumenti ad altissimo rischio.