lunedì 12 dicembre 2016

Economia e vita: al Nord il Pil è quasi il doppio del Sud. Aosta città più vivibile, Vibo Valentia ultima

Ci sono due tipi di dati che sono stati resi noti oggi da diverse fonti, Istat e Sole 24 ore. Il primo riguarda l'economia, e più precisamente il valore del PIL in base alla geografia del territorio. Si scopre così che al Mezzogiorno la quota di ricchezza pro capite è di 17.800 euro, ovvero il 44,2% in meno rispetto a quello del Centro-Nord. Qui i dati sono: 33.400 Nord-ovest, 32.300 Nord-est e 29.300 Centro.

Reddito e qualità della vita


Peraltro l'Istat sottolinea come questo differenziale negativo è solo leggermente in riduzione rispetto al 2014, quando era del 44,5%. In termini di reddito disponibile per abitante, la differenza tra Nord e Sud scende al 34,3% (nel 2014 era 35%).

Intanto, il Sole 24 Ore ha pubblicato la sua consueta classifica annuale delle città più vivibili di Italia. Per la terza volta si conferma Aosta in vetta per qualità della vita. Viene così scalzata Bolzano che era leader lo scorso anno. La peggiore del 2016 invece è Vibo Valentia, mentre lo scorso anno era Reggio Calabria. Al secondo posto c'è Milano, al terzo Trento. Roma è 13esima, mentre le grandi città del Sud sono molto in basso nella classifica: Bari (85esimo posto), Catania (94esimo), Palermo (99esimo) e Napoli (107esimo).
Condividi questo articolo. A te non costa nulla, per noi vale tanto


L'indagine sfrutta una serie di indicatori aggiornati al 2015 e in qualche caso al 2016. I settori d'indagine spaziano tra vari campi, tra cui ci sono Affari, lavoro e innovazione; Reddito, risparmi e consumi; Ambiente, servizi e welfare; famiglia, integrazione; Giustizia, sicurezza, reati.