giovedì 5 gennaio 2017

Valute: l'euro riprende quota sul dollaro dopo le minute del Fomc

Una ventata di ossigeno pure arriva per l'euro sui mercati delle valute. La moneta unica allontana temporaneamente lo spettro della parità sul dollaro, beneficiando della pubblicazione delle minute della FED, riguardo all'ultima riunione del dicembre scorso. Un report dal quale è emerso che all'interno del Fomc (l'organismo monetario della Federal Reserve) c'è stato qualche dubbio sulle azioni da intraprendere dopo la vittoria di Trump alle elezioni.

I verbali del Fomc e i riflessi sul mercato delle valute

Dopo la pubblicazione delle minute, il dollar index ha perso terreno mentre l'euro si è riportato oltre quota 1,05 secondo i dati del broker Ig markets (vedi qui Ig markets opinioni). Il calo del biglietto verde si può ritenere comunque anche fisiologico, visti gli aumenti spropositati dell'ultimo mese e mezzo.

Dopo aver fatto dei balzi da record nel Forex market, arrivando a valori che non si vedevano da 14 anni, la valuta statunitense ha virato al ribasso e stamattina perde nei confronti dell'euro fino a 1,0514 con il cross Usd-Eur che secondo i dati IronFx registrano un aumento dello 0,25% (vedi IronFX opinioni).Il dollar index immediatamente dopo la pubblicazione delle minute, ha esteso le perdite scendendo dello 0,6%.
Condividi questo articolo. A te non costa nulla, per noi vale tanto


Ma cosa dicono queste minute? Rendono conto del meeting avvenuto lo scorso dicembre a seguito della quale è stato deciso di procedere all'aumento del costo del denaro di 25 punti base. Tuttavia, pare che c'è stata qualche incertezza sul percorso della politica fiscale Usa dopo a vittoria di Trump, e inoltre ci sono dei timori che la crescita così forte possa generare un aumento delle pressioni inflazionistiche. Proprio per questo la maggior parte dei membri del Fomc ritiene opportuno procedere a un rialzo graduale dei tassi anche in un futuro prossimo.