lunedì 6 febbraio 2017

Tariffe: smascherata Trenitalia, da 10 anni un errore di calcolo fa pagare il 33% in più ai pendolari


Immaginate un biglietto pagato il 33% in più di quanto dovrebbe. Immaginate quanti pendolari ci sono ogni giorno in viaggio su e giù per l'Italia. Immaginate che quel 33% in più di tariffa sia stato pagato per ben 10 anni. Ecco, adesso sapete quant'è stato grosso il vantaggio economico che si è presa Trenitalia a danno dei suoi utenti.


Il caos tariffe

Gli abbonamenti venivano gonfiati ufficialmente a causa di un algoritmo sbagliato, secondo una denuncia di Assoutenti. In pratica la formula matematica con cui si calcolano le tariffe per i viaggiatori è sbagliata. Un abbonamento sui 120 euro, ha finito per costare sui 160.

Qualche giorno fa  Assoutenti e Trenitalia si sono seduti a un tavolo e hanno raggiunto un accordo per superare il problema degli abbonamenti attraverso il coinvolgimento delle regioni.L'obiettivo è arrivare a un metodo di calcolo che ottimizzi i contratti, e che consenta di compensare i maggiori oneri fatti pagare agli abbonati sovraregionali in questi ultimi anni.

La vicenda arriva a poca distanza da un altro caso spinoso per Trenitalia, che nelle scorse settimane era stata sommersa di proteste per i rincari fino al 35% sugli abbonamenti per i treni ad alta velocità. La compagnia aveva dovuto dimezzare tali aumenti, con rimborso della differenza a chi aveva già acquistato il nuovo titolo di viaggio per il mese di febbraio.