mercoledì 14 giugno 2017

FED pronta ad alzare i tassi. Il dollaro potrebbe salire

Gli occhi degli investitori sono tutti puntati sugli USA, dal momento che oggi la Federal Reserve dovrebbe comunicare un aumento del costo del denaro, il secondo in questo 2017. I trader sono pressoché unanimi nell'attendersi un aumento del tasso di interesse USA di un quarto di punto.

La mossa della FED

Tuttavia, ciò che interessa maggiormente gli investitori sono le prospettive riguardo al futuro, sia per quanto riguarda la necessità di iniziare a snellire un bilancio che si è gonfiato fino a 4.500 miliardi di dollari sia per il crono-programma futuro riguardo il costo del denaro. Ricordiamo che a dicembre scorso la FED ipotizzò circa 3-4 interventi restrittivi sul mercato nel corso del 2017.

Sotto quest'ultimo punto di vista, gli analisti si dividono. C'è infatti chi ritiene che il rialzo odierno sarà l'ultimo per il 2017, perché l'economia americana non presenta dei report così esaltanti (soprattutto la crescita dei posti di lavoro sta rallentando). Altri invece pensano che la Fed dovrebbe procedere ad uno se non due ulteriori ritocchi, nonostante l'inflazione si è attenuata ultimamente.

I riflessi sui mercati


Sul fronte valutario, questa mattina la moneta unica è scambiata a 1,1213 dollari (1,1208 dollari dopo la chiusura di Wall Street di ieri). Tuttavia secondo i migliori segnali forex in tempo reale sicuri dovrebbe esserci una diminuzione del cross nelle prossime ore. Vedremo.

Per quanto riguarda invece il rapporto tra sterlina e dollaro, ci collochiamo al livello di 1,27 dollari. Questa mattina è stato comunicato che in Gran Bretagna il numero dei senza lavoro che hanno chiesto un sussidio di disoccupazione ha subito un brusco calo a maggio. Il tasso di disoccupazione è rimasto stabile al 4,6% ad aprile, il totale dei disoccupati cala a 1,53 mln di unità (-145 mila rispetto allo scorso anno). Anche in questo caso i segnali opzioni binarie affidabili gratis suggeriscono di puntare sull'apprezzamento del biglietto verde.

Nel frattempo le Borse europee viaggiano in rialzo e gli investitori sono incoraggiati anche dalla chiusura positiva di Wall Street. A metà mattinata Milano segna un progresso dello 0,36%, con i titoli bancari osservati speciali dopo che la Ue ha confermato che il salvataggio delle venete potrebbe esser vicino. Francoforte sale dello 0,53%, Parigi dello 0,92% e Londra dello 0,28%.